Imaginary landscape

“Home is where you belong /

I got the keys right here for you baby.”

Si prende sempre dimora da qualche parte. Tra radici d’alberi, tra oasi glaciali e orizzonti sinuosi, tra specchi d’acqua e canyon immaginari. Anche ai bordi di un campo di grano o a due passi dalle nuvole esiste un mondo a cui si appartiene, di cui si custodisce la chiave d’accesso: la capacità di riconoscere, con un occhio interiore, quel che chiamiamo casa.

editorials

Back to top